OBESITA’ E COVID 19

Dall’inizio dell’epidemia, la popolazione anziana è la più coinvolta e ha pagato in termini di vittime il costo maggiore. Anche se sono stati segnalati decessi correlati a COVID-19 in giovani adulti, l’età media dei pazienti deceduti resta alta ed è pari a 80 anni (mediana pari a 81 anni, quasi 20 anni in più rispetto all’età mediana dei casi segnalati al sistema di sorveglianza integrata sui casi COVID-19 positivi, che è pari a 62 anni). Molti presentano patologie croniche pregresse; le più frequenti sono le cardiopatie (46%) seguono il diabete (30%), l’insufficienza renale (20%) e malattie croniche respiratorie (19%), infine i tumori (16%), ictus/ischemie cerebrali (10%); tra tutte meno frequenti le malattie croniche del fegato (4%). L’ipertensione è segnalata nel 68% delle cartelle cliniche e l’obesità nell’11%. 
In Italia la maggior parte degli ultra 65enni (58%) è in eccesso ponderale:
– il 44% in sovrappeso (con un Indice di Massa Corporea – IMC – compreso fra 25 e 29,9) – il 14% obeso (IMC ≥30).

Ho riportato qui sopra un breve tratto del testo e (più sotto) delle tabelle riassuntive interessanti, per chi non avesse voglia di andare a spulciare il documento (cosa che, invece, consiglio a tutti di fare, cliccando sui link indicati) redatto dall’Istituto Superire della Sanità dal titolo: IL RUOLO DELLE PATOLOGIE CRONICHE PREGRESSE NELLA PROGNOSI DEI PAZIENTI COVID 19 (9/7/2020).

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-flussi-dati-confronto-patologie-croniche-pregresse
https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-decessi-italia

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/pdf/passi/sars-cov-2-flussi-dati-confronto-passi-pda-patologie-croniche.pdf

Che cosa significa tutta questa premessa?

Significa che il Covid 19 (come qualsiasi altro virus) nell’ambiente è uguale per tutti, ma quando entra in un corpo umano, trova un organismo diverso dall’altro: c’è infatti chi non si ammala, chi guarisce, chi muore.

Le condizioni personali, quindi, possono incidere nella reazione all’infezione virale!

Emerge dalle ricerche scientifiche in ogni parte del mondo lo stretto legame tra obesità e patologie ad essa correlate (diabete mellito tipo 2, ipertensione arteriosa, patologie cardiovascolari) e il decesso per Covid 19.

L’eccesso di grasso corporeo può infatti condizionare la salute metabolica, l’infiammazione, l’ossidazione e il sistema immunitario.

E’ necessario diffondere le attuali conoscenze per “convivere” con il Covid 19 (come già facciamo con molti altri virus e batteri), gestendo la composizione del nostro corpo, la nostra alimentazione,
l’attività motoria giornaliera, la nostra alimentazione, l’attività motoria, lo stile di vita e le nostre patologie, come scelte consapevoli di medicina preventiva.

Siamo quindi anche noi artefici del nostro destino e dobbiamo ricordarci che:

Non combattiamo perché odiamo il nemico che abbiamo di fronte ma perché amiamo ciò che abbiamo alle spalle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *