Nutrizione dello sportivo

La corretta nutrizione per migliorare le performance sportive

 

I fabbisogni in energia, nutrienti e idratazione variano notevolmente da una persona all’altra e cambiano in maniera significativa nello sportivo.

 

Numerosi studi scientifici dimostrano che il giusto apporto di nutrienti e di liquidi:

  • favorisce il rendimento nell’allenamento
  • migliora la prestazione agonistica
  • accelera il recupero dalla fatica
  • previene eventuali traumi e danni
  • migliora le difese immunitarie
  • ottimizza lo stato di salute psico-fisica

 

E’ necessario che lo schema alimentare dello sportivo sia strutturato per rispondere alle esigenze specifiche del soggetto  e della disciplina praticata (in relazione al tipo di impegno, della durata e alle condizioni climatiche in cui viene svolta), pianificando eventualmente regimi nutrizionali differenti:

  • nei giorni che precedono le competizioni
  • nei giorni di gara e allenamento
  • nei giorni di recupero successivo alla gara o all’allenamento
  • nel periodo di riposo (mentenendo il peso corporeo e la buona condizione fisica)

 

 

alimentazione e sport acquatici wind surf, kite surf, surf

 

Un giusto programma alimentare  deve essere appropriato e specifico per le esigenze individuali, deve prediligere il consumo di alimenti comuni e familiari mentre i supplementi e gli integratori alimentari devono essere utilizzati solo in caso di reale necessità.

 

Essenziale nella consulenza con lo sportivo è il test BIA (test bioimpedenziometrico) per valutare se l’allenamento svolto è efficace o si devono apportare delle modifiche, sia atletiche che alimentari.
Eseguito all’inizio della preparazione, dopo circa un mese dalla data di inizio, e infine  riproposto in prossimità delle gare o delle partite importanti, serve a monitorare di volta in volta come si modifica la composizione corporea e lo stato di idratazione dell’organismo e, quindi, evitare stadi di disidratazione e calo della prestazione.